Agenzia di comunicazione a Brescia

Newsletter: quello che i destinatari (non) dicono

19/07/2010

L'attività di Mail Marketing non finisce con l'invio della newsletter. La fase che viene dopo è forse una delle più importanti: l'analisi delle statistiche.

Perché è importante guardare le statistiche?

I dati di lettura delle newsletter forniscono moltissime informazioni preziose su come i destinatari vedono le tue comunicazioni. Ti danno indicazioni su come scriverle, come modificarle, come renderle più personali e più vicine ai reali interessi ed esigenze di ciascun iscritto.

Numero di e-mail aperte

Questo dato permette di vedere quanti dei destinatari che hanno ricevuto la comunicazione l'hanno effettivamente aperta. Entro certi limiti, è naturale e fisiologico che un certo numero di utenti non apra l'e-mail: magari non ha tempo, è di cattivo umore o sommerso dalle comunicazioni. Se però il dato è molto basso, significa che la maggior parte dei destinatari ha ignorato la newsletter, oppure l'ha cancellata senza aprirla. Questo può dipendere da molti fattori, compresi il giorno o l'orario d'invio, ma può significare che non sei riuscito ad attirare l'attenzione dei destinatari o che l'argomento non era di loro interesse.

Numero di click effettuati

Se il destinatario apre l'e-mail e la trova interessante, può sentire l'esigenza di saperne di più e seguire uno o più dei link proposti. Questo è il percorso ideale dei tuoi destinatari e dimostra che hai colpito nel segno. Naturalmente, è normale che non tutti facciano click, ma se il dato è troppo basso significa che qualcosa non ha funzionato. Forse la tua comunicazione era dispersiva, forse i link non erano abbastanza evidenti; può darsi che il contenuto non fosse abbastanza interessante per loro - o forse non sei riuscito a far capire ai tuoi lettori quanto fosse realmente interessante.

Numero di contatti

Quanti di coloro che hanno letto e approfondito l'argomento si sono davvero convinti ad agire subito e cercare un contatto con te? Se sono pochi, non è detto che il mailing sia stato un fallimento. Magari hanno memorizzato l'informazione, e ti contatteranno in seguito; oppure, il problema non era nella mail ma nelle pagine di arrivo, che avrebbero dovuto dare la motivazione finale all'utente. Sicuramente, però, il contatto è uno dei fini del mail-marketing, e il più immediato dei suoi vantaggi.
Va detto, però, che non è l'unico. Mantenere aperta la comunicazione con i clienti e i simpatizzanti, farsi ricordare, fornire informazioni che trovino interessanti, farsi riconoscere come autorità e fonte d'informazione nel proprio campo... tutti questi sono fattori altrettanto importanti e, a lungo termine, altrettanto vantaggiosi. 

PER CURIOSARE:
Il Direct Marketing di ITS: Hit Mark >
< Torna all'elenco
It’s srl
Sede legale: Via della Volta 183, 25124 Brescia
C.F.,P.Iva, Num. Reg. CCIAA: 02116040987
Privacy & Cookie policy
Seguici su youtube Seguici su Facebook Seguici su Linkedin Scopri IT'S_Informatica
L’agenzia
20 anni insieme
I clienti
Portfolio
Cosa chiederci
Scrivono di noi
Blog
Contatti
Area riservata
L’agenzia | 20 anni insieme | I clienti | Portfolio | Cosa chiederci | Scrivono di noi | Contatti | Area riservata
Siti web
Motori di ricerca
Social network
E-mail marketing
Pubblicità su riviste
Adv online
Corporate
Fiere ed eventi
UNI EN ISO 9001 ISO 27001